In valutazione

La sfida sulla Open Education

Sviluppo di MOOC per Scuole e Università italiane
160.000 €

Le regole

Chi può partecipare 

La sfida è aperta a studenti, dottorandi, insegnanti, ricercatori, docenti, spin-off  accademiche, start-up innovative, università, enti pubblici di ricerca  e cittadini con competenze in materia, che potranno partecipare  in forma individuale o anche in team.

 

Quando partecipare 

I partecipanti potranno presentare le loro proposte di MOOC, precisandone programma, contenuti, modalità di sviluppo e fruizione, a partire dal 3 marzo 2014 e fino alle ore 23.59 del 3 aprile 2014.

Saranno esclusi dalla seconda fase le proposte ritenute non idonee da parte della Giuria relativamente all' offerta didattica e alle modalità di sviluppo e di fruizione del corso. 

 

Come partecipare 

L’iscrizione alla piattaforma Talent Italy è necessaria per poter accedere e partecipare alla challenge.

Una volta iscritto alla piattaforma, individualmente o in qualità di capofila, il proponente di riferimento potrà caricare nella apposita sezione del sito la descrizione della proposta di MOOC, eventualmente corredata da immagini.

La proposta potrà essere accompagnata da un video di presentazione del progetto, che dovrà rispettare i seguenti requisiti:

  • formato MP4
  • codifica video H.264
  • codifica audio AAC
  • dimensione massima pari a 70 MB
  • durata massima pari a 10 minuti 

I partecipanti, alternativamente al video, potranno  caricare una presentazione, eventualmente con commento vocale della durata massima di 10 minuti. In presenza di commento vocale la presentazione dovrà essere inclusa, insieme ai relativi file audio, in un archivio in formato ZIP.

Nel corso della seconda fase, il materiale didattico dovrà essere reso disponibile online, sulla piattaforma ritenuta più idonea e seguendo le tempistiche previste per la sfida.

Per ulteriori dettagli si rimanda al bando, scaricabile in versione PDF accessibile oppure come scansione PDF dell'originale firmato.

 

La Giuria                                                                

Una Giuria di esperti, nominata con decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e costituita da almeno tre personalità, anche straniere, di elevata qualificazione scientifica e comprovata esperienza nei settori rilevanti per la sfida, avrà il compito di valutare le proposte della prima e della seconda fase e di selezionare i vincitori. 

03-04-2014 20:23:37